Lun-Ven 8:30-18:30, Sab 9:00-13:00 800-189664
Test dell'udito online
Scopri in soli 3 minuti la qualità del tuo udito. Il test dell'udito online fornisce informazioni preziose sulla tua capacità uditiva.

L'udito svolge un ruolo particolare nella vita dell'uomo. Il nostro cervello è progettato per interpretare il significato di determinati suoni. Ma come funziona precisamente l'apparato uditivo e in che modo i suoni giungono al cervello, qual è il loro percorso?

Un viaggio a 5 tappe

Inizio: l'orecchio esterno

Il viaggio inizia nel padiglione auricolare e nel condotto uditivo. I suoni vengono convogliati dal padiglione auricolare verso il timpano che è situato nell'orecchio medio.

1° tappa: la membrana timpanica

Il timpano trasmette le onde sonore al martello, incudine e staffa. Questi tre ossicini uditivi amplificano le vibrazioni del timpano.

2° tappa: la coclea

Le vibrazioni provenienti dal timpano e amplificate dagli ossicini uditivi arrivano all'orecchio interno attraverso il fluido contenuto nella coclea. Le pareti della coclea sono ricoperte da cellule ciliate che sono dotate di terminazioni nervose e vengono stimolate dal movimento del liquido. Questi stimoli vengono trasmessi sotto forma di impulsi elettrici al tronco cerebrale.

3° tappa: il tronco cerebrale

Il tronco cerebrale è la prima tappa del suono all’interno del cervello. In questa fase i suoni vengono decifrati e ne viene determinata la durata, l'intensità e la frequenza.

4° tappa: il talamo

La tappa successiva è il talamo, il centro di gestione del cervello. Qui vengono raccolte tutte le informazioni percepite dai sensi eccetto l'olfatto. Il talamo regola inoltre la risposta motoria come il movimento a ritmo di musica. Il talamo interpreta le informazioni e le invia alla corteccia cerebrale.

Ultima tappa: la corteccia cerebrale

L'ultimo passaggio è la corteccia cerebrale. Il messaggio sonoro è in gran parte decifrato ma la corteccia cerebrale aggiunge il significato ai suoni. Qui i suoni vengono riconosciuti e ricordati. Questa regione della corteccia cerebrale, anche nota come corteccia uditiva, collega ricordi o emozioni ai suoni. È per questo che possiamo richiamare alla mente dei bei momenti di gioventù oppure un momento romantico o speciale ascoltando la musica che in qualche modo ci lega a quell’evento.

Prendersi cura dell'udito

Se non sei più in grado di goderti un pezzo musicale o hai difficoltà a sentire i suoni e le persone attorno a te, il tuo udito potrebbe essere regredito, prenota un appuntamento gratuito presso uno dei centri acustici AudioNova. I nostri specialisti effettueranno un controllo dell’udito e ti forniranno un consiglio professionale per consentirti di ascoltare di nuovo ciò che ti circonda.

Altri articoli

Esiste una relazione tra allergie e la perdita dell'udito?
Smettere di fumare fa bene anche all'udito
Cosa sono i suoni fantasma?
Questo sito web o applicazione impiega cookies. Per saperne di più sul nostro uso di cookies vi preghiamo di consultare la nostra Politica Cookies. Per informazioni generali sui cookies si prega di visitare www.allaboutcookies.org.