Lun-Ven 8:30-18:30, Sab 9:00-13:00 800-189664
Test dell'udito online
Scopri in soli 3 minuti la qualità del tuo udito. Il test dell'udito online fornisce informazioni preziose sulla tua capacità uditiva.

Desideri migliorare il tuo udito e stai cercando l'apparecchio acustico più adatto alle tue esigenze? Allora sei nel posto giusto. Abbiamo riepilogato i più importanti tipi di apparecchi acustici e i relativi vantaggi e svantaggi. Naturalmente siamo a tua disposizione anche per una consulenza personale.

Quali tipi di apparecchi acustici esistono?

Esistono diversi tipi di apparecchi acustici, per ogni deficit uditivo o ipoacusia, proposti da diversi produttori. L'ampia scelta dei prodotti a disposizione consente di trovare la soluzione adatta alle proprie personali esigenze e caratteristiche soggettive, e garantisce la possibilità di migliorare il proprio udito.

Di seguito presentiamo una breve panoramica dei diversi tipi di apparecchi acustici e delle rispettive caratteristiche e differenze.

Qual è la differenza tra apparecchi acustici digitali e analogici?

Gli apparecchi acustici si distinguono essenzialmente tra analogici e digitali. La maggior parte degli apparecchi acustici di nuova generazione sono digitali. La differenza fondamentale tra apparecchi analogici e digitali consiste nell'elaborazione del segnale.

Gli apparecchi acustici analogici ricevono i segnali dell'ambiente circostante. Questi vengono poi riprodotti e amplificati. Questo tipo di apparecchio non può ridurre né filtrare i rumori.
Gli apparecchi acustici digitali trasformano il suono in informazioni elettroniche. Solo i segnali significativi vengono amplificati e trasmessi. La rumorosità ambientale viene ridotta. Questo consente di sentire meglio anche in condizioni di forte rumore di fondo. Questi apparecchi si possono adattare alle esigenze individuali e sono più piccoli di quelli analogici. Gli apparecchi digitali offrono inoltre una migliore qualità del suono e una maggiore intelligibilità del parlato. Questo semplifica molto l'ascolto.

In cosa si distinguono i fitting aperti da quelli chiusi?

Le strutture degli apparecchi acustici si distinguono in due tipologie: a fitting aperto e a fitting  chiuso. Fitting aperto significa che le onde sonore raggiungono in modo naturale, come normalmente avviene, la membrana del timpano. Gli apparecchi retroauricolari hanno un fitting aperto. In questo caso il tubicino per il suono e l'auricolare vengono fissati esternamente al condotto uditivo. Il fatto che i toni udibili non vengano amplificati consente di preservare un udito il più naturale possibile. Inoltre il fitting aperto permette una migliore aerazione del condotto uditivo. 
 
Nel caso del fitting chiuso il condotto uditivo esterno risulta in gran parte "chiuso" dall'auricolare o dall'apparecchio intrauricolare. Questo non significa che l'orecchio non viene aerato. L'adattamento personalizzato dell'auricolare fa sì che questo stia ben fermo in posizione e consenta una trasmissione più diretta. Questo permette di sfruttare al meglio le prestazioni dell'apparecchio acustico. Il fitting chiuso è inoltre più flessibile e utilizzabile per diversi tipi di problemi uditivi.

Cosa sono gli apparecchi retroauricolari?

Questi apparecchi acustici si indossano dietro l'orecchio, appena al di sopra del padiglione auricolare. I componenti principali e l'altoparlante sono racchiusi in un guscio protettivo. Il suono viene condotto verso un elemento auricolare attraverso una curvetta e un piccolo tubicino di plastica. Questo si trova nel condotto uditivo esterno, e ha la funzione di mantenere l'apparecchio acustico in posizione e trasmettere le onde sonore alla membrana del timpano.

Forma degli apparecchi retroauricolari

I moderni apparecchi acustici sono piccoli e sottili. Questo li rende molto discreti. I gusci esterni sono disponibili in diversi colori. Esistono modelli resistenti all'acqua, al sudore e alla polvere, adatti ad esempio per gli sportivi. 

Vantaggi degli apparecchi retroauricolari:

  • spazio per batterie più grandi e potenti
  • tasti più grandi e facili da usare per la selezione dei programmi
  • fitting aperto
  • collegamento a radio e televisore mediante terminale audio, ricezione senza fili di segnali tramite induzione, infrarossi o Bluetooth

Svantaggi degli apparecchi retroauricolari:

  • meno adatti a chi porta gli occhiali
  • la funzione del padiglione auricolare non può essere sfruttata
  • struttura più visibile

Struttura degli apparecchi retroauricolari

Tutti gli apparecchi acustici presentano gli stessi componenti di base. Prendendo ad esempio gli apparecchi retroauricolari, il funzionamento è il seguente:
  • Microfono – rileva il suono e lo trasforma in segnali elettrici
  • Amplificatore – aumenta il volume dei segnali del microfono e filtra i toni irrilevanti
  • Altoparlante – trasforma i segnali elettrici in segnali acustici
  • Processore vocale – adatta i segnali alle esigenze uditive individuali del soggetto
  • Regolatore del volume – per regolare il volume
  • Curvetta – elemento di collegamento tra l'apparecchio acustico e il tubicino che trasmette il suono
  • Ingresso audio – per la rilevazione del segnale mediante altri apparecchi esterni
  • Batteria o accumulatore per l'alimentazione elettrica – mentre le batterie devono essere periodicamente sostituite, gli apparecchi ricaricabili consentono un utilizzo fino a 24 ore con un'unica carica
L'apparecchio acustico è collegato all'orecchio mediante il tubicino che trasmette il suono, che termina in una cupolina o auricolare (adattabile). Una variante del classico apparecchio retroauricolare è il modello RIC (Receiver In Canal, con ricevitore nel canale), nel quale l'altoparlante si trova nell'orecchio e quindi il suono viene condotto direttamente alla membrana del timpano.

Altri modelli di apparecchi acustici retroauricolari

Modelli RIC (con ricevitore nel canale)
I modelli retroauricolari più piccoli sono dotati di ricevitore esterno e presentano di norma anche funzionalità senza fili.

Modelli retroauricolari mini
Questi apparecchi acustici, più piccoli dei normali apparecchi retroauricolari, sono idonei per ipoacusie da lievi a elevate. Si portano comodamente dietro l'orecchio e sono disponibili in diversi colori, forme e strutture.

Cosa sono gli apparecchi intrauricolari?

Questi apparecchi acustici vengono collocati all'interno dell'orecchio. Si distingue tra:
  • Apparecchi per padiglione auricolare, collocati nel padiglione stesso (conca).
  • Apparecchi per condotto uditivo, collocati più in profondità nel condotto
  • Modelli collocati completamente all'interno dell'orecchio, che risultano praticamente invisibili: Apparecchi CIC (Completely in Canal, completamente nel canale).

Struttura degli apparecchi intrauricolari

Tutti i componenti sono racchiusi in un piccolo "guscio". Questo viene inserito nell'orecchio come un tappo. Alcuni apparecchi hanno una linguetta a forma di antenna per l'estrazione degli stessi. Gli apparecchi intrauricolari presentano un fitting chiuso. La regolazione del volume e la selezione dei programmi può avvenire mediante telecomando. Molti modelli possono essere collegati senza fili con apparecchi elettronici come telefoni cellulari o televisori.

Vantaggi degli apparecchi intrauricolari

  • molto discreti e quasi invisibili (in particolare i modelli CIC)
  • adatti a chi porta gli occhiali
  • più comodi per chi pratica sport 
  • gli apparecchi CIC sfruttano le caratteristiche del padiglione auricolare e consentono quindi un suono più naturale

Svantaggi degli apparecchi intrauricolari

  • idonei solo per ipoacusie da leggere a medie
  • la possibilità di impiego dipende dalle dimensioni del condotto uditivo
  • comportano costi maggiori
  • sostituzione più frequente delle batterie

Gli apparecchi intrauricolari si suddividono nelle seguenti tipologie:

ITE (In The Ear, nell'orecchio)
L'alloggiamento di questa soluzione acustica "riempie" completamente il padiglione auricolare (conca). I vantaggi di questa struttura sono una maggiore durata delle batterie, la disponibilità di una versione "Power" in caso di capacità uditiva molto limitata e una maggiore comodità.

ITC (In The Canal, nel canale)
Un modello intrauricolare piccolo e discreto. Il padiglione auricolare rimane libero, perché l'alloggiamento di questo apparecchio viene collocato nel condotto uditivo, terminando nella sua uscita.

CIC (Complete In Canal, completamente nel canale)
Il più piccolo modello intrauricolare offre la massima discrezione, risultando praticamente invisibile. Questi apparecchi presentano una forcella in nylon, che serve ad estrarli dal condotto uditivo.

Quali altri tipi di apparecchi acustici esistono?

Se i comuni apparecchi acustici non soddisfano le tue esigenze specifiche, esistono delle alternative:
Apparecchi acustici a conduzione ossea
Questo tipo di apparecchi acustici si ispira alla struttura degli occhiali. Il suono viene trasmesso alle ossa del cranio mediante le stanghette, che premono sulla testa. Per i soggetti che soffrono di otite media, questa può essere la giusta soluzione.
Apparecchi acustici ad ancoraggio osseo
In questo caso si sfrutta la conduzione ossea per aggirare la disfunzione dell'orecchio medio. Questa soluzione prevede l'impianto di una vite in titanio dietro all'orecchio. L'apparecchio acustico viene fissato all'impianto con un collegamento a scatto.
Apparecchi acustici impiantati per l'orecchio medio
I cosiddetti impianti attivi per orecchio medio fanno oscillare gli ossicini dell'orecchio medio.
Impianti cocleari
Come gli apparecchi acustici tradizionali, gli apparecchi impiantati sfruttano le capacità residue delle cellule uditive. Gli impianti cocleari bypassano le cellule sensoriali mancanti nella coclea e stimolano direttamente il nervo acustico.
Impianti al tronco encefalico
Quando il nervo acustico è danneggiato, è possibile inserire un impianto nel cervello. Questo rende gli stimoli sonori udibili. La tecnica è simile a quella degli impianti cocleari. Tuttavia l'elettrodo agisce sul tronco encefalico.
Noiser anti-acufene
Si tratta di apparecchi che trasmettono all'orecchio alcuni toni in sovrapposizione che "spingono" l'acufene sullo sfondo.
Lyric
Questo apparecchio acustico viene posizionato direttamente nel condotto uditivo e da lì rileva i suoni. È completamente invisibile e può essere portato per mesi.
Non sei sicuri di aver bisogno di un apparecchio acustico? Qui trovi ulteriori informazioni sul tema. Puoi inoltre scoprire quali sono i vantaggi e le caratteristiche dei diversi marchi di apparecchi acustici. Se desideri avere assistenza nella scelta del modello più adatto a te, visita la pagina dei nostri suggerimenti per l'acquisto di un apparecchio acustico oppure prenota un appuntamento gratuita nel Centro Acustico AudioNova più vicino a te.

Altri argomenti

Apparecchi acustici – i nostri marchi
Quale apparecchio acustico devo scegliere?
Questo sito web o applicazione impiega cookies. Per saperne di più sul nostro uso di cookies vi preghiamo di consultare la nostra Politica Cookies. Per informazioni generali sui cookies si prega di visitare www.allaboutcookies.org.