Cause comuni del mal d’orecchio

Il mal d’orecchio (in tutte le sue forme) è uno dei disturbi più comuni visti dai medici e colpisce persone di tutte le età, spesso in modo spontaneo. Può manifestarsi in modi diversi, da un lieve dolore a fitte intense, localizzato in un orecchio solo o in entrambi; nella maggior parte dei casi, se ne va da solo in una o due settimane. 
Se noti che il mal d’orecchio si prolunga per più di due settimane, rivolgiti al tuo medico per organizzare una visita specialistica presso un audiologo professionista.

È importante ricordare che il mal d’orecchi non è sempre dovuto a un’infezione. A volte il dolore è il risultato di una patologia correlata o a quello che si chiama un dolore “riflesso”. Il dolore riflesso è reale, ma si origina in un posto diverso, come per esempio in un dente cariato o infettato.
Di seguito, elenchiamo alcune delle cause più frequenti del mal d’orecchi:
  • Infezione all’orecchio (otite media acuta) - più comune nei bambini, ma colpisce anche gli adulti. Le persone colpite da infezioni d’orecchi croniche possono essere sottoposte a un intervento chirurgico con l’uso di tubi di drenaggio o grommet. 
  • Otite media sierosa - una malattia in cui una sostanza appiccicosa riempie la parte centrale del condotto uditivo. Di solito il problema si risolve da solo in alcune settimane. 
  • Accumulo o tappo di cerume
  • Mal di gola, sinusiti o raffreddore
  • Corpo estraneo nel condotto auditivo, come per esempio residui di cotone
  • Dolore mandibolare causato da un dente cariato o infettato, o da bruxismo
  • I climi freddi possono causare mal d’orecchi a certe persone
  • Cambi di pressione atmosferica (come in aereo, durante un’immersione subacquea o in alta montagna)
  • Acqua nel condotto uditivo o “Orecchio del nuotatore” (Otite esterna)

Rimedi naturali e fai-da-te che aiutano ad alleviare il mal d’orecchio

La buona notizia per le persone che soffrono di mal d’orecchi è che esistono molti utili rimedi fai-da-te che aiutano ad alleviare il fastidio e ridurre il dolore. Molti di questi rimedi sono in uso da anni e vengono raccomandati da medici (e mamme!) come una prima linea di difesa per proteggersi.
  • Applica un impacco caldo o freddo. Alcuni consigliano perfino di alternare tra i due ogni 10 o 15 minuti. Ricorda di non addormentarti usando un impacco caldo e di non permettere ai bambini di usarlo senza la supervisione di un adulto. Inoltre, non applicare direttamente sulla pelle un impacco freddo o con ghiaccio, avvolgilo sempre in un asciugamano o simile. Gli impacchi vanno applicati sotto l’orecchio.
  • Per le infezioni più esterne o per un drenaggio, unisci parti uguali di aceto di sidro di mele e alcol isopropilico e applica alcune gocce direttamente nell’orecchio, attendi qualche minuto e poi risciacqua. È stato dimostrato che l’aceto di sidro di mele (non filtrato) ha proprietà curative e antibatteriche dal momento che uccide molti tipi di batteri nocivi e ripristina il pH del condotto uditivo. Non allevia il dolore ma, grazie alla sua azione antibatterica, questo metodo può essere usato insieme ai tradizionali trattamenti per le infezioni alle orecchie.
  • Da tempo usato nelle gocce per le orecchie commerciali, il perossido d’idrogeno diluito in parti uguali con acqua può essere usato per sciogliere delicatamente il cerume. Applica alcune gocce nell’orecchio, lascia che agisca per qualche minuto, fallo colare fuori e risciacqua con acqua pulita.
  • Per alleviare la pressione che causa il dolore, prova a masticare o succhiare un caramella. Questo riduce la pressione accumulata nelle tube uditive che si trovano tra l’orecchio medio e la parte posteriore del naso e della gola. È particolarmente utile in caso di cambiamenti d’altitudine, come nei viaggi in aereo o in montagna. In questi casi aiuta anche deglutire.
  • Per ammorbidire il cerume, prova l’olio di oliva riscaldato a una temperatura simile a quella corporea per evitare di scottare la parte interna dell’orecchio. 
  • Prova anche a cambiare la tua postura durante le ore di riposo sollevando la testa e il torso invece di sdraiarti completamente in posizione supina o su un fianco. Questo ti aiuterà a dormire meglio fino a che non passa il mal d’orecchi.
  • Le gocce per le orecchie omeopatiche sono facilmente reperibili nelle erboristerie, nei negozi specializzati e perfino nelle grandi catene di supermercati. Di solito queste gocce sono a base di chiodi di garofano o lavanda e spesso contengono lo zenzero, un antibatterico naturale.
  • Inoltre, puoi ricorrere agli antidolorifici senza ricetta medica, in particolare i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) che ti aiuteranno con il dolore.

Questi trattamenti, usati con giudizio, sono un aiuto per ridurre il dolore associato al mal d’orecchio. Se i tuoi sintomi si aggravano, è essenziale rivolgersi a un medico o a un otorino. Le patologie più gravi possono necessitare attenzione medica come gocce, farmaci, terapie antibiotiche o interventi chirurgici per inserire tubi di drenaggio.
In caso di dubbi, è sempre meglio peccare di troppa prudenza e consultare un otorino. Una perdita dell’udito in peggioramento progressivo potrebbe essere il segnale che qualcosa non va bene e deve essere investigata tempestivamente. 

Ma per i mal d’orecchio normali, questi rimedi naturali e fai-da-te possono servire allo scopo!