Lun-Ven 8:30-18:30, Sab 9:00-13:00 800-011678

Sentire bene è molto importante, in questa pagina elenchiamo alcune attività che possono portare beneficio all'udito, agendo su uno o più di questi 3 aspetti:

  • Migliorare la circolazione
  • Mantenere il cervello in forma
  • Proteggere o monitorare l'udito

Giochi di enigmistica

Il cervello è un organo incredibile del nostro corpo che ha un ruolo importante nell’elaborazione dei suoni che ricevono le nostre orecchie. Anche il cervello, proprio come gli altri muscoli del nostro corpo, ha bisogno di esercizi regolari per mantenersi in forma.

L'enigmistica è un modo divertente per mantenere in perfetta forma il cervello impedendone la degenerazione. Tra i diversi giochi di enigmistica, ricordiamo i cruciverba, i rebus e il Sudoku. È consigliabile praticare questi esercizi regolarmente, almeno una volta alla settimana, preferibilmente ogni giorno.
ImageAltA

Giocare a carte

Giocare a carte o ad altri giochi insieme ad amici e alla famiglia è un modo divertente per allenare il cervello e passare del tempo di qualità con i propri cari. Socializzare con le persone aiuta infatti a non isolarsi. Man mano che il loro udito continua a peggiorare, molte persone diventano ansiose e depresse, e quindi meno propense alle interazioni sociali.

Praticare yoga

Lo yoga offre un gran numero di effetti benefici per il corpo, la mente e lo spirito. Sapevate che determinate posizioni yoga possono aiutare il vostro udito? Lo yoga migliora l’udito aumentando la circolazione sanguigna nel cervello e nelle orecchie. Una migliore circolazione favorisce l'attività nervosa e aiuta a disintossicare le cellule.

Le migliori posizioni yoga per migliorare la circolazione sono l’albero, il cobra, il triangolo e il cammello. La ricerca ha evidenziato che lo yoga può ridurre anche i sintomi dell’acufene - la percezione di un ronzio o suono nell’orecchio.. Praticare yoga regolarmente vi aiuterà, inoltre, a ridurre l’ansia e lo stress.
 

Esercizio fisico

Il movimento quotidiano è essenziale per condizioni fisiche e psichiche ottimali oltre che per la salute delle orecchie. Essere attivi quotidianamente favorisce il benessere generale in tanti diversi modi. Non è necessario correre una mezza maratona tutti i giorni, si consiglia piuttosto di optare per una attività fisica moderata e divertente, ad esempio fare jogging, passeggiare, nuotare, praticare yoga o dedicarsi al giardinaggio. Ognuna di queste attività ha effetti benefici sulla circolazione del sangue.

Andate dove vi porta il cuore, l’essenziale è perseverare e fare in modo che l’attività fisica diventi una componente sempre presente nella vostra routine quotidiana.

Il movimento fa miracoli per la circolazione sanguigna dell’orecchio interno. La "parte uditiva" dell’orecchio interno, la coclea, trae un gran beneficio dall’aumento del flusso sanguigno. La coclea è una componente vitale del sistema uditivo, in quanto trasforma le vibrazioni sonore in impulsi nervosi.
ImageAltA

Esercizio con la musica, ma a basso volume

Se non amate particolarmente l’esercizio fisico, non preoccupatevi. Anche un’attività fisica ridotta, ad esempio due volte alla settimana, ha effetti positivi sull'ipoacusia. Cercate di non praticare l’attività fisica con le cuffiette ed evitate assolutamente la musica ad alto volume. È  risaputo che il rumore forte danneggia le cellule ciliate dell’orecchio e quelle perse non vengono sostituite. Il volume della musica è da considerarsi eccessivo quando le altre persone possono sentire la musica dalle vostre cuffiette.

La meditazione

L’antica pratica della meditazione porta molti benefici alla salute come è confermato da numerosi studi. Molti si sorprendono nell’apprendere che può aiutare persino a migliorare l’udito. Quando ci si siede in silenzio e si medita, si aiuta il corpo a regolare la pressione sanguigna, a migliorare la circolazione e a normalizzare altri processi fisiologici. La meditazione è in grado di ridurre lo stress, e quindi diminuire il suo potenziale impatto negativo su tutti i sistemi del nostro corpo.

Questa pratica semplice ma al tempo stesso potente favorisce il rilassamento profondo ed incrementa il flusso sanguigno verso il cervello. 
ImageAltA

Respirazione e concentrazione sui suoni

 
Praticare la meditazione in un parco permette di immergersi in un mondo di suoni diversi., concentrandosi sui suoni dell’ambiente, come il cinguettio degli uccelli, si lavora inavvertitamente sul proprio udito. Se si usano suoni per meditare, si sarà molto più abituati a sentire questi suoni nel corso della giornata. Nel tempo il subconscio aiuta a riconoscere determinati suoni più bassi, non percepiti in precedenza. Anche se si tratta di un miglioramento a livello di percezione mentale dell’udito, i suoi effetti sono potenti. 
 
Praticare esercizi di respirazione profonda migliora l'ossigenazione del sangue e la circolazione sanguigna. È consigliabile concentrare l’attenzione sul proprio corpo per poi concentrarsi su tutti i suoni che ci circondano.

Localizzazione dei suoni

Molti non sanno che l’orecchio non è l’unico ad avere un ruolo nella nostra capacità di udire i suoni. Anche il cervello gioca un ruolo importante nell’elaborazione degli impulsi sonori.

È possibile migliorare la capacità del cervello di svolgere questa funzione esercitandolo a concentrarsi sul rumore. La localizzazione dei suoni è un metodo efficace per aguzzare la capacità del proprio cervello di localizzare ed interpretare i suoni. Esistono diverse varianti di questo tipo di esercizio per l’udito.
  1. Accendere della musica in una stanza e muoversi all’interno della stessa prestando attenzione alle leggere differenze dei suoni che si odono mentre ci si muove. Cercare di comprendere le parole del testo e di identificare i diversi strumenti presenti nella canzone. Variare il volume ogni tanto come pure la stanza dove si pratica l’esercizio.
  2. Accendere una fonte sonora, ad esempio una radio in un punto della stanza. Ascoltare della musica a basso volume. Accendere un’altra fonte sonora e disporla in un altro punto della stessa stanza. Aumentare il volume fintanto che la musica delle due diverse fonti sonore non crea un ambiente rumoroso.
  3. Chiedere ad un amico o ad un componente della famiglia di leggere delle frasi di un libro mentre si muove nella stanza. Chiudere gli occhi, e mentre si ascolta con attenzione, ripetere a voce alta le frasi e cercare di capire da dove provengono le parole.
Si possono usare alcune o tutte le attività sopra menzionate per migliorare il proprio udito; l’importante è ripeterle regolarmente per ottenere dei risultati. Se non sei sicuro dello stato del tuo udito, pupi sottoporti ad un test dell’udito online gratuito. per avere subito un'indicazione di massima del livello di perdita uditiva. 

In caso di perdita di udito di entità medio grave, l’uso di un apparecchio acustico può rappresentare la scelta migliore per tornare a sentire bene. Un apparecchio acustico permette di distinguere meglio i suoni e migliora la capacità del cervello di riconoscere gli impulsi sonori.

Si consiglia di rivolgersi a specialisti per curare i sintomi del calo di udito dato che la perdita dell’udito, se non trattata, può influenzare negativamente il proprio benessere fisico e mentale.
infografica

Altre tematiche

Quale apparecchio scegliere?
Tipi di apparecchi acustici